Fiavet Emilia-Romagna e Marche
Associazione delle Agenzie di Viaggio Emilia-Romagna e Marche

Blog Ufficiale dell'Associazione


Home Accedi Cerca
EBURT
Tassa sulle vetrine degli uffici viaggi - Un assurdo balzello

Tra le tante tasse ed imposte a carico delle agenzie di viaggio, crediamo che quella richiesta dai Comuni per l’esposizione di materiale pubblicitario nelle vetrine sia la più iniqua .

Nonostante questo,le agenzie sono tartassate annualmente da questo balzello che,in momenti di crisi come quello attuale,va incidere notevolmente sui già deficitari bilanci.

A nulla valgono le proteste degli stessi agenti di viaggio e delle associazioni di categoria (Fiavet in testa) che denunciano questa assurdità.

Imperterriti i Comuni affidano a ditte esterne che di nascosto fotografano le vetrine,non fanno firmare alcun verbale poi inviano l'ingiunzione a pagare il tributo la tassa maggiorata di interessi, mora, ecc.

Sono migliaia di euro che ,a seconda della superficie occupata con il materiale esposto,vengono richiesti alle agenzie.

Sono stati inoltrati ricorsi ai vati tribunali amministrativi ,esistono circolari dell’Agenzia delle Entrate che affermano l’irregolarità della tassa, ma i singoli Comuni adottano deliberazioni che confermano il tributo da pagare.

Una agenzia nostra associata ha vinto in primo grado la causa contro il Comune che ovviamente ha ricorso in appello e sono passati già alcuni anni,ma la vertenza non è stata ancora avviata.

La pubblicità per un viaggio,una vacanza con il catalogo esposto in vetrina significa lavoro per le agenzie di viaggio.

E’ come il prodotto esposto nelle vetrine dei negozi per la merce che vendono.

Perché questa pubblicità deve essere soggetta ad una tassa?

Lo chiediamo da tempo,ma nessuno sa dare una valida risposta.

Ci vien fatto presente che vi è una norma di legge (che risale al secolo scorso)che i Comuni interpretano come meglio credono e per fare cassa applicano la tassa.

Le proteste per ora sono vane,ma come associazione di categoria sosterremo continuamente che le agenzie di viaggio non devono essere tassate per la pubblicità dei prodotti che vendono.