Fiavet Emilia-Romagna e Marche
Associazione delle Agenzie di Viaggio Emilia-Romagna e Marche

Blog Ufficiale dell'Associazione


Home Accedi Cerca
EBURT
Il ponte del 25 Aprile condizionato dal clima

E’stata questa una realtà che ha condizionato di fatto l’apertura della stagione turistica estiva. Si contava molto su questo “ponte” non essendo andato molto bene quello di Pasqua sempre a causa del clima. Le agenzie di viaggio sono state condizionate dalle prenotazioni dell’ultimo momento che, a seguito delle previsioni del tempo che preannunciavano freddo e pioggia , si sono di fatto ridotte. Alcune capitali europee stentano a decollare dopi i gravi attentati dei mesi scorsi, dell’Egitto non se ne parla, la Tunisia,nonostante l’impegno di quel paese che organizza educational a ripetizione per stimolare le vendite, non viene richiesta. La Grecia è alla prese con l’immigrazione. Uno dei pochi paese che “tirano ” è la Spagna. L’80% delle scuole che hanno organizzato viaggi all’estero hanno scelto quel paese. Per quanto riguarda il turismo interno, rinviate le vacanze al mare, i turisti si sono riversati nelle città d’arte,ma per soggiorni al massimo di un paio di giorni. Purtroppo il 1 maggio quest’anno cade di domenica e pertanto non si può parlare di “ponte”. L’orientamento della programmazione dei viaggi si sposta ora alle vacanze estive e non mancano già importanti e favorevoli offerte per prenotazioni anticipate. Per l’incoming va bene Roma che ha già raggiunto i 5 milioni di turisti-pellegrini a metà aprile. Si conta che con l’estate non solo Roma ma anche le altre località turistiche italiane possano beneficiare del movimento turistico del Giubileo.
"L'ISIS vuole attaccare le spiagge italiane" -Allarme terrorismo

E’ questa una notizia ripresa sui giornali italiani che non avremmo mai voluto leggere! E’ stato il giornale tedesco BILD a scriverla citando di avere avuto l’informazione dai Servizi Segreti Italiani. Assieme all’Italia viene indicata la Spagna e la Francia del Sud ovvero i tre paesi per i quali si che prevede sulle spiagge il “tutto esaurito” soprattutto per motivi di mancanza di sicurezza nei paesi d’Africa (Egitto ,Tunisia in testa). Vengono indicati possibili terroristi vestiti da venditori ambulanti e sappiamo noi quanti ve ne sono di ambulanti stranieri di ogni razza sulle nostre spiagge. Immediatamente vi è stata la smentita della notizia da parte dell’Arma dei Carabinieri e dal Ministero dell'Interno, ma il sasso nello stagno …. è stato lanciato. Ora le persone di una certa età ricorderanno certamente ,eravamo negli anni 80-90, le campagne pubblicitarie attuate dalla Bild che invitava i turisti tedeschi non venire a fare le vacanze in Italia in quanto paese insicuro. Fotografie a tutta pagina erano riportate sul giornale che palesavano situazioni di pericolo a venire sulle nostre spiagge. Tutto falso,però … le notizie erano allarmanti. Ebbene,la notizia pubblicata in questi giorni è sicuramente di una gravità senza precedenti. Già abbiamo una situazione non favorevole su tutti i campi e tra questi il settore del turismo appare uno dei più penalizzati. Quest’anno si punta sul turismo incoming in quanto il Giubileo prima e lo stato di incertezza in altri paesi con noi confinanti, ci indicano prospettive di un forte aumento di turisti stranieri che visiteranno l’Italia. Peraltro una notizia come quella in oggetto, anche se immediatamente smentita, non fa altro che aumentare un allarmismo già esistente,soprattutto all’inizio della stagione turistica.
Come prevenire i reclami dei clienti

Terminate le vacanze di Pasqua “fioccano” in agenzia i reclami dei turisti. Bagagli smarriti, camere d’albergo disastrate,servizi previsti nei programmi, e pagati, ma non utilizzati ecc. In che modo le agenzie possono cercare di evitare almeno in parte i disservizi e disagi subiti dai clienti? Questi sono alcuni suggerimenti che certamente il personale addetto al booking conosce,ma che spesso nella trattativa con i clienti,si dimenticano - 1 – nella fase preliminare della presentazione del catalogo al cliente , seguire attentamente il programma del viaggio prescelto, illustrando al cliente ogni minimo particolare. 2 - Nella fase successiva,quando si passa all’esame del contratto di viaggio,prima di farlo firmare dal cliente, verificarne assieme ogni dettaglio : chi è l’organizzatore e le sue responsabilità, la durata e i mezzi di trasporto che verranno utilizzati,verificare la categoria dell’albergo ove alloggerà il cliente 3- chiarire ciò che la quota del viaggio comprende e ciò che è considerato extra a carico del cliente 4- proporre le eventuali assicurazioni facoltative. E’ il Codice del turismo che prevede questo obbligo di informazione. 5- consegnare la copia controfirmata del contratto di viaggio al cliente 6- informare il cliente che se durante il viaggio o la vacanza sorgono dei problemi deve reclamare immediatamente sul posto e,in casi più gravi, telefonare al T.O. e all’agenzia intermediaria 7 – ricordare al cliente di raccogliere le prove di eventuali disservizi e disagi subiti (video,fotografie,testimoni,ecc) 8 – ricordare al cliente che ,in caso di disservizi, entro 10 gg. dal rientro del viaggio dovrà inviare una raccomandata indicando l’ oggetto del reclamo. Con la richiesta di rimborso dei danni, al T.O. e/o all’agenzia intermediaria Pro-memoria per l’agenzia intermediaria: in caso di responsabilità accertata a carico dell’agenzia e al ricevimento di una richiesta di danni da parte del cliente, ricordarsi sempre di inviare immediatamente la richiesta del cliente alla propria Compagnia di assicurazione nella quasi totalità dei casi sono i T.O. responsabili dei disservizi e disagi subiti dai turisti, e pertanto spetta al T.O. l’obbligo di fare fronte alle richieste di danni. Qualora l’agenzia venga coinvolta in una vertenza legale, pur non avendo alcuna responsabilità, si suggerisce sempre di segnalarlo alla propria assicurazione.