Fiavet Emilia-Romagna e Marche
Associazione delle Agenzie di Viaggio Emilia-Romagna e Marche

Blog Ufficiale dell'Associazione


Home Accedi Cerca
EBURT
EXPO - Falsa partenza??

E’ questa la notizia che si legge sulla stampa ad alcuni giorni dall’apertura di Expo 2015 Le cause sono numerose,ma quelle primarie per gli agenti di viaggio, sono un rincaro ritenuto esagerato dei vari servizi. Prezzi più che raddoppiati, in primis,i prezzi dagli alberghi, ma anche dei taxi,ristoranti,ecc. Recentemente abbiamo sottolineato come i servizi di guida all’interno di Expo saranno gestiti in regime di quasi monopolio con tariffe elevate che hanno fatto saltare molti preventivi delle agenzie di viaggio. Dai vicini paesi europei, le prenotazioni sono quasi ferme, non vi è la corsa all’acquisto dei biglietti e a questo punto si ha ragione di pensare che la tanto sbandierata notizia della vendita di milioni e milioni di biglietti (alcuni hanno parlato di 20) sia destinata a naufragare. Molti contano sul mercato cinese,ma quanti siano i cinesi che hanno già prenotato il viaggio in Italia,ancora nessuno lo sa. Cosa è mancato e perchè un evento del genere non riuscirà forse a raggiungere gli scopi prefissati? Non entriamo nel merito della causa primaria dei ritardi in tutto., ma dal punto di vista turistico è mancata soprattutto all’estero una valida comunicazione,la pubblicità e la propaganda dell’evento. Da un anno continuiamo a dire che con l’ENIT in stato di stallo , manca l’unico Ente o Azienda che per statuto ha il compito della promozione dell'Italia e quindi dell'Expo di Expo in tutto il mondo. La burocrazia ancora una volta ha bloccato quello che è lo strumento primario per fare conoscere Expo ma soprattutto l’Italia all’estero. Le possibilità di rimediare? Alcuni ottimisti sono convinti che nei mesi estivi Expo e l’Italia saranno comunque visitati da milioni di turisti;da parte nostra lo si spera soprattutto per le agenzie di viaggio che proprio sull’incoming hanno molto puntato per la ripresa del lavoro.

Il pacchetto incoming Emilia-Romagna

Da incontri e contatti avuti con le agenzie di viaggio che hanno costruito i pacchetti incoming da offrire anche ai visitatori dell’Expo sono emersi alcuni giudizi unanimi sul contenuto delle offerte. Secondo gli agenti di viaggi interessati , due sono i servizi fondamentali da includere nel pacchetto per invogliare i turisti italiani e stranieri a visitare l’entroterra dell’Emilia-Romagna con una durata di tre giorni con pernottamento a Bologna 1 – la visita alla Ferrari a Modena 2 – Verdi ed i luoghi verdiani con l’abbinamento alla visita alle aziende del parmigiano e del prosciutto a Parma Ovviamente a questi possono essere aggiunti altri servizi a seconda delle richieste dei clienti. Giudizi questi confermati anche da giornalisti e T.O. stranieri in visita nell’entroterra dell'Emilia-Romagna. Nel mondo la Ferrari è nota a tutti ed il poter visitare il museo e la fabbrica della casa automobilistica sono occasioni che molti turisti stranieri non si lasciano sfuggire. Le statistiche dei visitatori sono in continuo aumento. Verdi e la sua musica sono altrettanto conosciuti,ed il poter visitare i luoghi dove è vissuto il grande musicista,abbinando nella stessa visita quella alle aziende produttrici del parmigiano e del prosciutto ,due prodotti collegati al tema dell'Expo sul cibo saranno certamente oggetto di particolare attenzione dei visitatori dell'evento. Ed è proprio su questi temi che diverse agenzie di viaggio dell’entroterra regionale hanno costruito i loro pacchetti che ora sono sul mercato .
Problemi per le visite all'EXPO di Milano

In questi ultimi giorni che precedono l’apertura dell’Expo 2015 moltissime sono le agenzie di viaggio che stanno costruendo i pacchetti comprendenti la visita all’evento mondiale. Pacchetti che prevedono viaggio con ingresso e visita all’Expo sono i più semplici da programmare e le agenzie stanno raccogliendo le iscrizioni. Da parte di alcuni uffici viaggi viene segnalato un problema che crea disagio agli organizzatori: si tratta del fatto che la visita all’Expo non può essere accompagnata dalle guide delle agenzie ma deve essere incaricata una guida speciale messa a disposizione dalla società Explora che gestisce i servizi Expo, con dei costi a dir poco proibitivi. Prezzi di pacchetti che non prevedevano simile richiesta stanno mettendo in crisi le agenzie che hanno contenuto al minimo i costi . Proteste al riguardo sono state inoltrate anche agli organi di governo affinchè intervengano per risolvere il problema. Se ai prezzi degli alberghi notevolmente rincarati,aggiungiamo anche questo elevato onere per la visita all’Expo, certamente molte agenzie che intendevano promuovere per i gruppi il viaggio a Milano,saranno costrette ad annullarlo. Diventa difficile lavorare in questo modo,ci viene segnalato da un’agenzia di viaggio di Bologna che nella propria programmazione prevedeva viaggi settimanali per gruppi all’Expo ed ora si trova in notevoli difficoltà. E’ auspicabile che il problema delle visite all’interno dell’Expo venga risolto prima del 1 maggio.
Come è andata la Pasqua ??

Abbiamo atteso qualche giorno dopo la Pasqua per conoscere dal campione delle ns .agenzie di viaggi che interpelliamo in occasione di eventi ,per conoscere come sono andate le vendite. A dire il vero le aspettative,nei giorni precedenti le Festività, non erano certo rosee ,la situazione della Tunisia,dell'Egitto e di tutti i paesi dell'Estremo Oriente,dal Kenia,ai quali si è aggiunta anche la Turchia, di fatto,avevano bloccato le vacanze pasquali in quei paesi che,anche in un periodo di crisi economica, vengono richiesti. La conferma l'abbiamo avuta dai dati delle agenzie interpellate,le prenotazioni sono state pochissime per i paesi considerati a rischio e si sono orientate sulle classiche capitali europee,sulla Spagna,sulla Grecia.,per l'estero e per la Sicilia e Sardegna in Italia. Tenuto conto anche della stagione climatica che proprio nel periodo pasquale è stata tipicamente invernale, tutto sommato il lavoro svolto dalle agenzie si è confermato più o meno sullo stesso livello del 2014. Una cosa è certa:sono finiti i tempi in cui con la Pasqua iniziava la stagione turistica, ora sui ponti ,venuti meno i paesi sopra indicati ,non si conta più come una volta. A dire il vero quest'anno in fatto di ponti non siamo fortunati e inoltre in molte regioni a fine maggio si svolgeranno le elezioni amministrative. Per questo motivo ora tutte le aspettative sono per l'estate. L'euro debole favorirà l'incoming che in prospettiva Expo e Giubileo dovrebbe movimentare il mercato interno. Meno agevolati saranno i viaggi all'estero Al riguardo sono 30 le agenzie della ns.regione iscritte alla Fiavet che hanno costruito pacchetti incoming per l'Expo. Un certo ottimismo che si respira nel ns.paese per via della ripresa economica si spera contribuisca anche ad aumentare il numero dei turisti italiani che prenoteranno una vacanza nella prossima estate.